IL NOSTRO UDITO

I PRIMI SINTOMI

L'ipoacusia è un processo solitamente lento e graduale cha ogni persona avverte in modo diverso. Alcuni sintomi sono però comuni a tutte le persone coinvolte:

•  fai fatica a capire quando parlano più persone insieme contemporaneamente?

•  hai difficoltà a capire durante una conversazione in ambiente rumoroso?

•  hai difficoltà a capire quando le persone parlano a bassa voce?

•  fai fatica a capire da dove proviene il suono?

•  ti capita di farti ripetere spesso quello che le persone dicono perchè non hai capito?

•  hai difficoltà di percezione di televisione, telefono o radio e magari devi alzare il volume più degli altri?

Sono tutti segnali che dovrebbero quanto meno insinuare il dubbio che qualcosa nelle nostre orecchie non funziona più a dovere. Tanto prima si interviene ad affrontare il problema, tanto migliori sono i risultati ottenibili.

L’udito è un bene prezioso e il suo stato di salute non va trascurato. Prenota un test del tuo udito: non ti costa nulla. In ogni senso!!! E’ un’operazione completamente GRATUITA, dura pochi minuti ed è un test non invasivo. I risultati consiglieranno o meno una verifica più approfondita del tuo caso.

COME FUNZIONA L’ORECCHIO

L’orecchio è un organo molto complesso, costituito da tre parti: l’orecchio esterno, l’orecchio medio e l’orecchio interno. Dall’orecchio interno si diparte il nervo acustico che reca le informazioni al cervello perché vengano elaborate quali segnali acustici.

L'orecchio esterno con il padiglione auricolare aiuta a catturare le onde sonore e a convogliarle lungo il condotto uditivo verso la membrana timpanica.

L'orecchio medio è uno spazio pieno d’aria che contiene i tre ossicini più piccoli del corpo umano: martello, incudine e staffa. La catena ossiculare è collegata da un lato alla membrana timpanica e dall'altro all'orecchio interno attraverso la finestra ovale. Tramite la tuba di Eustachio l'orecchio medio è inoltre collegato al rinofaringe in modo da compensare la pressione con l’ambiente esterno.

La funzione principale dell’orecchio medio è quella di trasferire e amplificare, mediante un sistema di leve, l’energia vibratoria del suono da un mezzo aereo, l’aria, ai liquidi dell’orecchio interno, agendo quindi come accoppiatore di impedenza.

L’orecchio interno è un altro punto cruciale della via acustica in quanto avviene la trasformazione dell’energia del suono da meccanica vibratoria a impulso elettrico. E’ formato da un labirinto posteriore (vestibolo e canali semicircolari) responsabile del corretto mantenimento dell’equilibrio e da un labirinto anteriore (coclea) responsabile della generazione dell’impulso sonoro.

TIPOLOGIA DI PERDITA UDITIVA

Il deficit uditivo può verificarsi a livello di una o più delle tre parti, determinando a seconda dei casi perdite uditive di tipo trasmissivo, qualora siano presenti danni all’orecchio esterno o medio.

Oppure di tipo neurosensoriale, qualora siano presenti danni all’orecchio interno. Se si presentano congiuntamente i due problemi, si parla di ipoacusia mista.

Esiste poi un'altra forma di sordità, detta centrale, dove il suono, pur raggiungendo in modo integro il cervello, da questo non viene elaborato in modo corretto.

CAUSE DI RIDUZIONE DELL'UDITO

Spesso la diminuzione dell'udito è associata all’avanzamento dell’età, in seguito ad un naturale e fisiologico invecchiamento del sistema uditivo (presbiacusia). Diversi altri fattori, però, influenzano la buona salute dell’udito.

Tra i problemi tipici che possono coinvolgere l’orecchio esterno rientrano i tappi di cerume e le infezioni del condotto uditivo, solitamente risolvibili attraverso la rimozione del tappo stesso e la somministrazione di farmaci adeguati.

Il funzionamento dell’orecchio medio può, invece, esser compromesso da problemi di infiammazione o perforazione della membrana timpanica; oppure da otosclerosi, malattia che riduce fortemente la mobilità degli ossicini e le loro normali vibrazioni, in particolare la staffa; oppure ancora da colesteatoma, una massa di accrescimento di cellule epidermiche che si accumulano nell'orecchio medio.

Anche in questo caso, la maggior parte dei problemi si può risolvere con le dovute cure farmacologiche o con l’intervento chirurgico: nei casi in cui ciò non è possibile, l’utilizzo di adeguati apparecchi acustici può sopperire efficacemente a superare le carenze uditive.

La maggior parte dei problemi uditivi coinvolge però l’orecchio interno: oltre al già citato invecchiamento fisiologico vi sono altri fattori che possono incidere significativamente sul suo stato di salute. Dall'esposizione prolungata al rumore, all'abuso di farmaci ototossici, alle infezioni causate da virus o batteri (quali otiti, rosolia, scarlattina, meningite), ai traumi cranici. Anche i fattori ereditari possono contare in questo caso; così pure l'abuso di alcol e fumo.

Normalmente i tipi di sordità legati all’orecchio interno non hanno soluzioni medico-chirurgiche e per rimediare alle difficoltà uditive l’unico mezzo è ricorrere all’uso degli apparecchi acustici.

Acustica s.a.s. di Latini Stefano - Via Borgo Santa Caterina 44/c - 24124 BERGAMO

 

Tel: 035 5295140 - 328 4938846 

 

E-mail: acusticalatini@libero.it        Skype: stefano_latini             Facebook: https://facebook.com/AcusticaLatini

 

 

Codice Fiscale e Partita Iva: 02475600165            Copyright © 2015-2018 Acustica s.a.s. di Latini Stefano - Tutti i diritti riservati

Pergamena 2: CENTRO CONVENZIONATO ASL-INAIL FORNITURA PROTESI GRATUITE AGLI AVENTI DIRITTO